BURKE E NOI. LA “PARTNERSHIP” TRA VIVENTI, MORTI E NON ANCORA NATI COME FONDAMENTO DI UNA SOCIETÀ CAPACE DI UNIRE TRADIZIONE E CAMBIAMENTO. QUI IN ITALIA, INVECE…(testo pubblicato da Formiche) – Giuditta’s files, la newsletter di Daniele Capezzone – numero 197, 28 febbraio 2017

il

SCENARI – BURKE E NOI. LA “PARTNERSHIP” TRA VIVENTI, MORTI E NON ANCORA NATI COME FONDAMENTO DI UNA SOCIETÀ CAPACE DI UNIRE TRADIZIONE E CAMBIAMENTO. QUI IN ITALIA, INVECE, ACCADE IL CONTRARIO: LE IDEE E LE FIGURE FONDATIVE DELL’UNITÀ D’ITALIA SONO STATE ORMAI SEPOLTE VIVE, E LE GENERAZIONI ATTUALI LETTERALMENTE UCCIDONO E SVENDONO (TRA SPESA, DEBITO E PENSIONI) IL DESTINO DELLE GENERAZIONI FUTURE…

Testo pubblicato da Formiche

 

Devo ad un acuto e accurato lavoro di Tancredi Gentili l’occasione di rileggere alcune pagine di Edmund Burke.

A maggior ragione in tempi come i nostri in cui un approccio “old whig” sembra così difficile da vedere realizzato, è invece più che mai necessario tenere presente questa bussola ideale e questa chiave di lettura della realtà.

E Burke resta una miniera. Cito in ordine sparso. Primo: la sua lettera agli elettori di Bristol, in cui chiarisce come il parlamentare debba seguire la propria coscienza e le proprie idee, anche pagandone il prezzo, anziché adattarsi a seguire le convenienze particolari (o magari l’ondata di opinione di un momento).

Secondo: la sua ricerca incessante di un empirismo liberale contro il dogmatismo rivoluzionario. E in questo senso emoziona la linea di continuità ideale tra le parole di Burke e quello che (160-170 anni dopo di lui), scriverà Hannah Arendt nel suo saggio sulla rivoluzione, spiegando l’immensa distanza tra le caratteristiche della rivoluzione americana e i tratti invece più autoritari di tante pagine della rivoluzione francese.

Terzo: la sua concezione positiva del “pregiudizio”, e quindi il valore della tradizione, del passato, del “wisdom of the ancestors”, della saggezza di chi è vissuto prima di noi.

Anche chi, come me, è forse più sensibile alla linea liberal-libertaria di Locke, non può rimanere indifferente alla grandiosità di questa intuizione: a una sorta di “partnership” tra i viventi, i morti e i non ancora nati, a un legame che tiene unita una generazione all’altra, e costituisce il fondamento di una società capace di integrare tradizione e cambiamento.

Nella povera Italia di oggi, invece, accade il contrario. Quanto al passato, ad esempio, le idee fondative e le figure decisive dell’Unità d’Italia sono ormai sepolte vive, e le istituzioni sembrano farsi un punto d’onore nell’aiutare e alimentare l’oblio collettivo e la rimozione di stato. Quanto al presente e al futuro, le generazioni attuali letteralmente uccidono e svendono (tra spesa, debito e pensioni) il destino delle generazioni future…

Per questa via, non si va lontano. E ora torniamo pure a parlare della legge elettorale, delle scissioni del Pd e della data del voto…

 

 

Testo pubblicato da Formiche qui:

http://formiche.net/2017/02/26/edmund-burke-e-noi/

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...