TRA CONSULTA (ABUSIVAMENTE) POLITICISSIMA E CONDOMINIO ITALIANO, OCCHIO AL MAY-TRUMP DI DOMANI, E ALLA CONVENZIONE BLU DI DOPODOMANI. NASCE UNA COSA SERIA, CHE MERITA ATTENZIONE (ONLINE IN CORSO LA SCELTA DEL NOME…) – Giuditta’s files, la newsletter di Daniele Capezzone – numero 174, 26 gennaio 2017

il

SCENARI – NEL MONDO E IN ITALIA. DOMANI GRANDE INCONTRO MAY-TRUMP. EVENTO A SUO MODO STORICO. GRANDE INTESA COMMERCIALE TRA USA E UK, E L’EUROPA (DOV’E’?) NEANCHE SE NE ACCORGE. IN ITALIA, POI, PREFERIAMO PARLARE DI LEGGE ELETTORALE…

DOPODOMANI, NEL NOSTRO PICCOLO, UN EVENTO IMPORTANTE A ROMA: NASCE UFFICIALMENTE UN SOGGETTO POLITICO CHE IN ITALIA NON C’ERA. UN’AMBIZIONE GRANDE: RIMETTERE AL CENTRO IL TRITTICO MENO TASSE-MENO SPESA-MENO DEBITO IN MODO CREDIBILE E SERIO. CONTRASTARE LA MAREA MONTANTE STATALISTA. E TENERE ALTE ALCUNE BANDIERE: ATLANTISMO, LIBERTA’, MERCATO.  

MISSIONE CHE MERITA AIUTO E PARTECIPAZIONE. CHI CI STA?

Ps: partecipa anche tu alla scelta del nome del movimento, in vista dell’appuntamento di sabato della Convenzione Blu! Sotto, il link per registrarti e votare.

 

Il condominio italiano è tutto concentrato sulla legge elettorale, a maggior ragione dopo la pronuncia di ieri della Consulta. Chi scrive detestava l’Italicum. Però onestà intellettuale mi impone di osservare una cosa: ieri la Corte ha bocciato ballottaggio e pluricandidature, cioè cose che – tra leggi elettorali nazionali e locali – in Italia esistevano da anni. Ora sono improvvisamente divenute incostituzionali? Su questo, aveva ragione da vendere Pannella: la Consulta in Italia è organo (abusivamente) politico, altro che diritto… E il “capolavoro” (si fa per dire) della Corte è ripristinare una specie di “Porcellum” con un 40% irraggiungibile (tranne forse che dai grillini!) e quindi un’alta probabilità di ammucchiata parlamentare post-elezioni alle spalle della volontà popolare, per formare una maggioranza purchessia. Non male: malissimo! Ma lasciamo perdere… 

Passiamo a cose più grandi. Domani si terrà il primo incontro ufficiale tra Donald Trump e un capo di governo occidentale. E non a caso, in nome della “special relationship” tra Stati Uniti e Gran Bretagna, sarà il primo ministro inglese Theresa May a far visita al neoeletto presidente americano.

Qui non si fa tifo, e gli hooligans non ci piacciono, anche perché le incognite non mancano. Quindi occorre essere razionali. La scelta Brexit, come sanno i lettori di queste pagine, mi ha sempre convinto: non solo per il Regno Unito (che ovviamente aveva tutto l’interesse a uscire da un edificio in fiamme), ma anche come “sveglia” all’Ue. E’ l’ultima chiamata: o l’Europa continentale abbandona le sue idee sbagliate di questi anni (armonizzazione fiscale, pretesa di uniformare tutto, imposizione di una camicia di forza burocratica e fiscale dalla Finlandia al Portogallo) per abbracciare una diversa filosofia (flessibilità, competizione fiscale), oppure sarà schiantata dal suo stesso collasso e dal confronto con un Regno Unito che abbasserà la tassazione sulle imprese al 15%…Non credo sia necessario aggiungere altro.

E’ presumibile che May e Trump si accorderanno su un grande scambio. Gli Usa diranno sì a un trade-deal con la Gran Bretagna, offrendo alla May un primo accordo commerciale “pesante”, dopo la doppia umiliazione rappresentata dalle minacce dei vertici europei, e dalla dichiarazione di Obama che aveva prospettato al Regno Unito un mortificante posto da “ultimo della fila” per un negoziato. E invece l’Inghilterra sarà la prima a realizzare un accordo. E da quanto si intuisce, potrebbe essere un ottimo accordo (perfino liberale: molto distante dai toni protezionistici propagandisticamente usati da Trump): abbattimento delle tariffe, più vantaggi nella circolazione di merci, facilitazione anche per i lavoratori inglesi in America e viceversa. La May avrà buon gioco a presentarsi a Bruxelles con quest’accordo e dire: e voi cosa fate? Mi rifiutate ciò che l’America ha appena accettato?

In cambio, Trump potrà ottenere un ulteriore irrobustimento dell’impegno inglese dentro la Nato. Un esempio per gli altri paesi occidentali: se si sta in un condominio, occorre pagare le quote, anche perché è in gioco un bene strategico come la difesa. E tutto sommato sarà una concessione che la Gran Bretagna sarà ben lieta di fare: anche per ribadire a Trump che il ruolo della Nato è strategico, e non possono esserci né disimpegni (in Europa, nel Mediterraneo, ecc) né cedimenti alla Russia.

Come si vede, una pagina importante. Ma l’Europa non sembra neppure accorgersene. Mentre in Italia si preferisce parlare di legge elettorale…

A proposito di Italia, dopodomani accade una cosa importante. Con Raffaele Fitto, con i Conservatori e Riformisti, con tante realtà territoriali, daremo vita a una novità politica significativa, dando seguito al cammino compiuto finora attraverso il progetto della Convenzione Blu.

Il 5-6 novembre scorso abbiamo scritto (con tante personalità e amici autorevoli) un programma liberale a tutto tondo (www.laconvenzioneblu.it/mozione) come in Italia non se ne vedevano da una ventina d’anni. Il 17 dicembre, con tanti movimenti civici e forze territoriali, abbiamo messo in campo una rete consistente in tutta Italia. Ora, il passo decisivo: scelta di nome e simbolo, convocazione dei prossimi appuntamenti nazionali, anche di un primo congresso.

Il legame con i conservatori inglesi offre una cornice chiara. Dare gambe e forza a qualcosa che in Italia non c’era: rimettere al centro il trittico meno tasse-meno spesa-meno debito; contrastare la marea montante statalista; tenere alte le bandiere dell’atlantismo, della libertà e del mercato.

E’ un impegno ambizioso in un contesto non sempre facile, come quello italiano. E’ dunque una missione che merita aiuto, partecipazione, coinvolgimento. Chi ci sta?

Ps

Qui il link per scegliere il nome del movimento:

http://laconvenzioneblu.it/iscriviti-adesso/

 

***

LETTURE: IERI IN AULA SUL GIORNO DELLA MEMORIA

Difendere oggi ebrei vivi (da Iran e terrorismo), non solo commemorare doverosamente ebrei morti

Intervenendo in Aula alla Camera a nome dei Conservatori e Riformisti, nel corso della commemorazione del Giorno della Memoria, ieri ho detto tra l’altro:

 

È certamente doveroso (e molti colleghi lo hanno fatto assai bene e con sincerità) commemorare l’immane tragedia della Shoah, onorare gli ebrei morti (e gli omosessuali, e i rom, e i dissidenti politici), e denunciare ora come allora i crimini del nazismo e dei suoi alleati.

Ma (se non vogliamo fare qualcosa di rituale e retorico) non basta occuparsi del passato. Occorre soprattutto evitare tragedie future, difendere gli ebrei vivi, stroncare i “nazismi” futuri e possibili.

Mi riferisco al fatto che, in quest’Aula, dal governo a molte opposizioni, in tanti siate d’accordo nel cooperare e nello stringere intese con l’Iran, stato che vuole “programmaticamente” la distruzione di Israele e la sua cancellazione della cartina geografica.

Che facciamo? Oggi mercoledì commemoriamo il Giorno della Memoria, e da domani ce ne dimentichiamo?

Israele è in prima linea contro il terrorismo, perché rappresenta la frontiera della libertà, della democrazia, dell’Occidente, di alcuni valori.

Come ha scritto il saggista e filosofo Sam Harris, “tutti viviamo in Israele” (nel senso che tutti siamo sotto attacco del terrorismo), ma – aggiunge Harris – “il problema è che alcuni non lo hanno ancora capito”. Purtroppo, vale anche per l’Italia. Grazie.

 

***

Domani recensione di un importante libro non italiano. Lasciamo un po’ di suspense su titolo e autore…

***

E’ possibile seguirmi su Facebook cliccando “mi  piace” su  www.facebook.com/Capezzone

Chi non desideri più ricevere questa newsletter può inviare una mail a  d.capezzone@gmail.com

***

PROSSIMO APPUNTAMENTO DELLA CONVENZIONE BLU SABATO 28 GENNAIO, A ROMA, ALL’HOTEL ERGIFE (VIA AURELIA)!!!! 

“Nasce il partito, oltre la rabbia. La nostra risposta, seria”.

Tutte le info per partecipare su www.laconvenzioneblu.it

Qui i documenti e il programma liberale, modernizzatore, pro-mercato:

http://laconvenzioneblu.it/mozione/

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...