SUI MERCATI ORA E’ RENZI IL FATTORE DI INSTABILITA’ – Giuditta’s files, la newsletter di Daniele Capezzone – numero 137, 22 novembre 2016

il

SCENARI – SUI MERCATI ORA E’ RENZI IL FATTORE DI INSTABILITA’.

NON SOLO I LEADER STRANIERI MA ANCHE I MERCATI NE HANNO TESTATO LA NON RIUSCITA.

MEGLIO UN NO NETTO PER CHIUDERE UNA PAGINA, RISPETTO AL PERMANERE DI UN RENZI INCAPACE DI AFFRONTARE LA CRISI MPS E LA CRISI FINANZIARIA ALLE PORTE (CON L’ITALIA STRANGOLATA IN PROSPETTIVA DAL PROSSIMO RIALZO DEI TASSI), E UN “NOCCIOLO ETRUSCO” INTERESSATO SOLO (PRIMAVERA 2017) A TENERE LE MANI SULLE NOMINE ENI-ENEL-TERNA-FINMECCANICA.

PURTROPPO BERLUSCONI CONTINUA A GIOCARE IN MODO AMBIGUO: NON HA PIU’ FORZA NE’ IDEE PER COSTRUIRE, VUOLE SOLO “POSIZIONARSI” AL TAVOLO DEL 5 DICEMBRE IN OGNI POSSIBILE SCENARIO (VITTORIA DEL NO, VITTORIA DEL SI’, ECC)

 

Nel mio piccolissimo – i lettori di questa rubrichina lo sanno – lo scrivo da tempo: l’Italia del 2017 rischia un nuovo simil-1992. Una zattera nel mare in tempesta: tra la sempre meno evitabile crisi di Mps (con 50mila obbligazionisti subordinati sul lastrico, a quel punto), una possibile crisi finanziaria alle porte con effetti di soffocamento/strangolamento per l’Italia (sommate la fine del QE, l’andamento di spread e Credit Default Swap, le emissioni-monstre di titoli che l’Italia dovrà fare nei prossimi mesi, il prevedibile rialzo mondiale dei tassi…), e l’inconcludenza di un ceto politico la cui attenzione è tutta rivolta – già da ora – alla legge elettorale.

Adesso, sui mercati, è Renzi il principale fattore di instabilità. Lo dico senza polemica, in termini puramente descrittivi.

I mercati, come i leader stranieri, avevano scommesso su di lui, tre anni fa. Ora, dopo 36 mesi di chiacchiere e slides, gli uni e gli altri ne hanno testato la non riuscita. Ha perso i tre anni buoni, e lascia un’Italia penultima per la crescita in Ue (dopo la Grecia…), e sull’orlo di un anno che si preannuncia orribile.

A questo punto, anche dal punto di vista dei mercati, meglio un No netto, che comunque chiuderebbe con chiarezza una pagina, rispetto al permanere di un Renzi azzoppato, e a quel punto (con il suo “nocciolo etrusco”) interessato solo a tenere le mani sul nuovo giro di nomine di primavera in Eni, Enel, Terna e Finmeccanica.

Purtroppo, sull’altro versante (ma è un “altro” versante? direi di no), anche Berlusconi continua a giocare in modo ambiguo. Lavora per rendere sempre più difficile uno sblocco del centrodestra (che avverrebbe solo con le primarie sollecitare da Fitto e da altri protagonisti), e soprattutto per “posizionarsi” (in una logica più aziendale che politica) al tavolo del 5 dicembre, “parandosi” rispetto a ogni possibile scenario. Se vince il No, Berlusconi proverà a giocare per il proporzionale, con l’obiettivo di scompaginare definitivamente uno schieramento e costruire un “Nazareno obbligato” dopo le politiche (linea Verdini-Parisi). Se vince il Sì, ha già detto che Renzi è l’unico leader: e i tg Mediaset ce lo ricordano tutte le sere con un trattamento (perfino nella scelta di foto e immagini) che le reti del Biscione hanno riservato per anni solo a Berlusconi, e che ora concedono da un triennio a Renzi…

Occorre qualcosa (le primarie, in primis) che “smonti” questo presepe.

 

LETTURE

Su Formiche

Spes contra spem, la missione impossibile (ma riuscita) di Ambrogio Crespi: su un tema proibitivo e controverso (l’ergastolo ostativo), ridare peso alle parole e ai volti. Docufilm bergmaniano: ma al posto di Max Von Sydow ci sono ergastolani che raccontano il loro dolore, la loro sconfitta, una vita distrutta (anzi: più vite distrutte), e un’improbabile (eppure viva!) speranza…

http://formiche.net/2016/11/20/vi-consiglio-il-bergmaniano-spes-contra-spem-liberi-dentro/

 

Su Affaritaliani

Hillary non voleva più uscire di casa? Succede ai “posseduti” dal potere…Se si hanno idee, anche dopo una sconfitta il cammino prosegue. Se invece non se ne hanno e si perde, resta un vuoto devastante.

http://www.affaritaliani.it/politica/palazzo-potere/hillary-non-voleva-piu-uscire-di-casa-succede-ai-posseduti-dal-potere-450741.html

 

 

APPUNTAMENTI: OGGI IL CONVEGNO UANI DI MESSA IN GUARDIA SUL RISCHIO-IRAN…

Seminario patrocinato da “United Against Nuclear Iran”

BUSINESS ITALIA-IRAN, UN’ANALISI COSTI-BENEFICI

Oggi, 22 novembre, ore 16 – Roma – Sala di S.Maria in Aquiro – Piazza Capranica 72

Saluto del sen. Lucio Malan

PANEL 1 – ASPETTI ECONOMICI E GEOPOLITICA

Moderatore: amb. Giulio Terzi (membro Advisory Board “Uani”)

-prof. Ranieri Razzante: riciclaggio monetario e finanziamento al terrorismo

-prof. Daniele Caviglia: scenario geopolitico

-dott. Luciano Tirinnanzi: traffico di droga e finanziamento delle milizie sciite

 

PANEL 2- – DIMENSIONE POLITICA E DIRITTI UMANI

Moderatore: on. Daniele Capezzone

-sen. Anna Cinzia Bonfrisco: condizione delle donne in Iran

-sen. Lucio Malan: diritti umani

-dott.ssa Elisabetta Zamparutti: rapporto annuale di Nessuno tocchi Caino sulla pena di morte: aggiornamenti

-dott. Aurelio Mancuso: universo LGBT in Iran

-dott. Enrico Vandini: focus sulla Siria

-dott. Feisal Al Mohamad: testimonianza sul contesto siriano

-dott. Antonio Stango: l’Islam politico sciita

 

***

SI E’ SVOLTA IL 5-6 NOVEMBRE LA CONVENZIONE BLU. UN GRANDE SUCCESSO DI PRESENZE, E LA PROMESSA (NEL DISCORSO FINALE DI RAFFAELE FITTO) DI TENERE “APERTA” LA CONVENZIONE FINO AL 15 DICEMBRE. STA NASCENDO DAVVERO QUALCOSA… 

VOTATI I DOCUMENTI DELLE SEI COMMISSIONI TEMATICHE, DISPONIBILI A QUESTO LINK (SUGGERISCO DI LEGGERLI: UNA CONTESTUALE PROPOSTA LIBERALE A TUTTO CAMPO NON SI VEDEVA IN ITALIA DA ALMENO VENT’ANNI…)

http://laconvenzioneblu.it/mozione/

MA LA CONSULTAZIONE RESTA APERTA SULL’APP “WE BLU”, LIBERAMENTE SCARICABILE

 

 

E’ possibile seguirmi su Facebook cliccando “mi  piace” su  www.facebook.com/Capezzone

Chi non desideri più ricevere questa newsletter può inviare una mail a  d.capezzone@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...