+++ A CALDISSIMO SULLE ELEZIONI USA, LA CASA BIANCA VA A TRUMP, DOPO BREXIT ARRIVA “TRUMPEXIT” +++ VALANGA TRUMP OLTRE OGNI PREVISIONE (E VITTORIA PIENA GOP ANCHE IN CONGRESSO E IN SENATO), MA ORA “ESPERTI” ED ESTABLISHMENT VADANO A NASCONDERSI. DOPO BREXIT, ANCHE STAVOLTA NON HANNO CAPITO NULLA.

il

+++ A CALDISSIMO SULLE ELEZIONI USA, LA CASA BIANCA VA A TRUMP, DOPO BREXIT ARRIVA “TRUMPEXIT” +++

VALANGA TRUMP OLTRE OGNI PREVISIONE (E VITTORIA PIENA GOP ANCHE IN CONGRESSO E IN SENATO), MA ORA “ESPERTI” ED ESTABLISHMENT VADANO A NASCONDERSI. DOPO BREXIT, ANCHE STAVOLTA NON HANNO CAPITO NULLA.

CON RARE ECCEZIONI, MEDIA E POTERI COSTITUITI HANNO PER MESI RACCONTATO UN ALTRO MONDO, LONTANO DALLA REALTA’.

RICORDATE LA GAFFE DI HILLARY DI DUE MESI FA SUI “DEPLORABLES”, CIOE’ SUGLI ELETTORI DI TRUMP DEFINITI “MISERABILI”? QUELLA FRASE RESTA COME EPITAFFIO DI UN’INTERA CLASSE DIRIGENTE.

ANCHE QUI IN ITALIA, AUSPICABILI DIMISSIONI E SILENZIO DI UNA CINQUANTINA TRA DIRETTORI, COMMENTATORI-COMMENDATORI, CIAMBELLANI DEL POTERE. DURANTE I DIBATTITI, TWITTAVANO PRO-HILLARY COME “BIMBIMINKIA”, ANZICHE’ PROVARE A CAPIRE…

NON LEGGETELI PIU’, NON CREDETEGLI PIU’, CON I LORO GIORNALI POTETE AL MASSIMO INCARTARE LE UOVA…

PS: E ORA DOVE VA A NASCONDERSI RENZI, CHE, ROMPENDO OGNI GALATEO ISTITUZIONALE, AVEVA FATTO SCOMPOSTE E SGUAIATE DICHIARAZIONI PRO-HILLARY?

PS2: PENA PROFONDA PER LO SPETTACOLINO TELEVISIVO DI QUESTA NOTTE IN ITALIA

PS 3 ALLEGO QUI IN FONDO MIA ANALISI DEL 7 AGOSTO SCORSO, UNO DEI MOLTI ARTICOLI SCRITTI SUL TEMA…

 

Donald Trump non ha solo vinto: è andato oltre ogni previsione.

Anche chi (come noi qui) da mesi descriveva una realtà diversa e opposta rispetto al racconto dei media mainstream, non poteva prevedere un risultato simile: nei singoli stati più ancora che nel voto popolare complessivo. Una valanga al di sopra di ogni possibile ipotesi, anche della più rosea per il tycoon.

Trump ha vinto in luoghi “impossibili”: per lui stesso e per i repubblicani. Rompendo ogni “regola”, ha esteso alle elezioni generali ciò che gli era riuscito nei lunghi mesi delle primarie: mobilitare in modo spettacolare i suoi sostenitori, e mostrare che facendo il pieno del voto bianco maschile si poteva sopperire alla prevedibile difficoltà di ottenere il consenso di donne, elettori neri e ispanici (alcuni dei quali, alla fine, anziché votare Hillary, sono rimasti a casa).

Dopo gli otto anni di Obama (seriamente in corsa come il peggior presidente della storia Usa, altro che “Obama il grande” come vaneggia da mesi un presunto “esperto” italiano di cose americane…) e dopo una campagna che ha premiato i due candidati – a loro volta – peggiori da 150 anni, la Clinton è stata severamente punita.

Se il fattore umano conta (certo che conta!), il “sense of purpose”, lo scopo profondo che Hillary ha mostrato da sempre era esclusivamente il suo personale successo, la sua personale affermazione. In un rovesciamento neanche troppo da psicanalizzare (tanto appariva chiaro), più diceva agli elettori “It’s about you”, più ognuno capiva “It’s about me”. E gli elettori hanno deciso di punirla.

Anche passando dalla dimensione individuale a quella collettiva, la Clinton è stata l’emblema dell’establishment, di quella parte di America (da Hollywood a Wall Street) che da anni si va separando dall’”altra America”, quella di un ceto medio impaurito, impoverito, e dunque “incazzato”.

Su queste colonne ne abbiamo scritto per mesi, citando una dozzina di libri (tra tutti, ricordo quelli di Charles Murray, Yuval Levin, Mark Levin) con un denominatore comune: la denuncia dell’incapacità dell’establishment di comprendere le ansie, le paure, le esigenze dei ceti medi e medio-bassi, trattati con disprezzo e quasi “relegati” in una diversa antropologia.

Trump, pur nella sua rozzezza, ha offerto attenzione a quell’America povera e bianca (trattata dai media mainstream come una feccia di sdentati), e si è trasformato nello strumento della loro vendetta.

Ricordate la gaffe di Hillary di due mesi fa sui “deplorables”, cioè sugli elettori di Trump definiti “miserabili”? Quella frase resta come epitaffio di un’intera classe dirigente.

Le incognite ora sono moltissime, inutile negarlo. In politica interna e in economia, il programma di Trump è andato via via migliorando nel corso dei mesi, in particolare sulla parte fiscale. In politica estera, invece, ci sarà moltissimo da capire. Sullo scacchiere internazionale, il danno lasciato da Obama è evidente: otto anni di arretramenti, un costante “ritiro”, un costante inchino a dittatori e regimi, un “withdrawal” morale oltre che militare su tutti i fronti: tutte cose che hanno aperto un gigantesco vuoto del quale hanno beneficiato tutti i player nemici dell’Occidente: Iran, Cina, Russia, oltre naturalmente al terrorismo Isis. Vedremo come Trump comporrà la sua squadra, e capiremo presto molte cose. Ci torneremo, dopo questa lunga notte.

Ma i veri sconfitti – più ancora dei perdenti nelle urne – sono i media mainstream, gli “esperti”, i commentatori-commendatori. Anche qui in Italia, servirebbero dimissioni e silenzio di una cinquantina tra direttori, editorialisti, ciambellani del potere. Per mesi, hanno raccontato un mondo parallelo, lontano dal vero. Non leggeteli più, non credetegli più: con i loro giornali potete al massimo incartare le uova.

Erano in malafede, certo. Durante i dibattiti, non dimenticheremo i loro tweet complusivi pro-Hillary da “bimbiminkia”, il loro tifo in curva, quando era invece necessario uno sforzo per capire, per provare a comprendere cosa accadeva.

Ma più ancora che la loro malafede, a contare in negativo è stata la loro incapacità di capire la realtà, che sfugge ai loro schemi, anzi ai loro schemini. Come per Brexit, né più né meno.

Ps Resta da capire dove ora vada a nascondersi Matteo Renzi, che, rompendo ogni galateo istituzionale, nelle scorse settimane aveva fatto scomposte e sguaiate dichiarazioni pro-Hillary.

Ps 2: Pena profonda per lo spettacolino televisivo di questa notte in Italia. Senza commenti, senza parole. Senza vergogna.

Ps3 Allego qui mio un pezzo del 7 agosto scorso, uno dei molti articoli che ho scritto sul tema…

http://formiche.net/2016/08/07/errori-di-chi-odia-trump/

 

***

 

SI E’ SVOLTA SABATO E DOMENICA LA CONVENZIONE BLU. UN GRANDE SUCCESSO DI PRESENZE, E LA PROMESSA (NEL DISCORSO FINALE DI RAFFAELE FITTO) DI TENERE “APERTA” LA CONVENZIONE FINO AL 15 DICEMBRE. STA NASCENDO DAVVERO QUALCOSA…

 

VOTATI I DOCUMENTI DELLE SEI COMMISSIONI TEMATICHE, DISPONIBILI A QUESTO LINK (SUGGERISCO DI LEGGERLI: UNA CONTESTUALE PROPOSTA LIBERALE A TUTTO CAMPO NON SI VEDEVA IN ITALIA DA ALMENO VENT’ANNI…)

http://laconvenzioneblu.it/mozione/

 

MA LA CONSULTAZIONE RESTA APERTA SULL’APP “WE BLU”, LIBERAMENTE SCARICABILE

 

 

E’ possibile seguirmi su Facebook cliccando “mi  piace” su  www.facebook.com/Capezzone

 

Chi non desideri più ricevere questa newsletter può inviare una mail a  d.capezzone@gmail.com

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...