REFERENDUM, DAL NO UN “MANUALE” SU COME (PROVARE A) PERDERE UNA CAMPAGNA GIA’ VINTA – Giuditta’s files, la newsletter di Daniele Capezzone – numero 102, 4 ottobre 2013

il

SCENARI – IL FRONTE DEL NO: MANUALE SU COME (PROVARE A) PERDERE UNA CAMPAGNA REFERENDARIA GIÀ VINTA.

PRIMA MOSSA: NON CONTESTARE I TG (RAI E MEDIASET) SCHIERATI CON IL GOVERNO.

SECONDA MOSSA: SCHIERARE “MUMMIE” DELL’IMMOBILISMO COSTITUZIONALE ALLA ZAGREBELSKY.  

TERZA MOSSA: DIMENTICARE LO SFASCIO ECONOMICO, CHE È IL VERO TALLONE D’ACHILLE DEL GOVERNO 

 

Fantastico. Quando si scriverà la piccola storia politica di queste settimane, rischieremo di poterne ricavare una “case history”, un manuale su come perdere una campagna referendaria già vinta, da parte del fonte del No.

Già c’è l’ipoteca rappresentata dal sostanziale disimpegno di Forza Italia: per ora, infatti, al di là del personale attivismo di alcune figure, il silenzio di Silvio Berlusconi non è stato ancora rotto (solo per ragioni  di convalescenza?), e la scelta di un uomo come Renato Schifani, che ha votato la “riforma” per tre volte (con dichiarazioni parlamentari di iperbolico entusiasmo), come coordinatore delle attività del No, sembra un ulteriore segno di confusione e ambiguità, ad essere gentili.

Sta di fatto che, secondo tutti i sondaggi, il No sarebbe ancora in vantaggio, sia pure con un elevato numero di italiani indecisi.

Da mesi (anzi: da due anni, per tutto il percorso delle “riforme”), noi Conservatori e Riformisti abbiamo detto un No diverso dagli altri. Non perché la “riforma” faccia troppo, ma perché fa troppo poco e male. Non perché sia autoritaria, ma perché sarà ancora più paralizzante (con la follia dei dieci procedimenti legislativi inseriti nell’articolo 70). Non perché sia decisionista, ma perché (al contrario) il mix tra il nuovo Senato, il rischio di conflitti sulle procedure, e il caos che ne deriverà, forniranno favolosi strumenti di ricatto a frenatori e ostruzionisti (specie a quelli interni alla maggioranza del momento).

Non a caso, infatti, proponevamo (ma Renzi ha detto no: di qui il nostro voto contrario in Parlamento) tre cose che avrebbero davvero consentito di passare alla Terza Repubblica. Primo: l’abolizione secca del Senato (altro che dopolavoro per consiglieri regionali!). Secondo: il presidenzialismo, per avere una svolta decisa sulla forma di governo. Terzo: un tetto fiscale in Costituzione, per voltare pagina anche nel rapporto tra stato e contribuenti.

Ora, però, il centrodestra e il fronte del No stanno commettendo tre errori che rischiano di essere esiziali.

  1. È incredibile che non ci siano contestazioni (né politiche né in sede di Commissione di Vigilanza e Authority) nei confronti dei telegiornali (Rai e purtroppo anche Mediaset) schiacciati ogni sera a favore del governo.
  1. È surreale che si schierino “mummie” dell’immobilismo costituzionale alla Zagrebelsky, espressione – nella forma e nella sostanza – della linea “questa è la Costituzione più bella del mondo”. Di questo passo, si consegnerà a Renzi la palma dell’innovatore, che è ciò che il Premier – in difficoltà drammatica su tutti i dossier – cerca disperatamente.
  1. È assurdo che si dimentichi il vero tallone d’Achille del Governo, e cioè un’economia bloccata e una crisi bancaria alle porte. Solo un’opposizione così confusa e senza idee può riuscire a non trarre vantaggio da queste condizioni “ambientali”.

 

LETTURE

Su Formiche

Fuocoammare. Conformismi a confronto nell’inevitabile “dibattito” sul film. Se il politically correct ci sta togliendo (a poco a poco) la sfida intellettuale di osare, di rischiare, di dire cose controcorrente…

http://formiche.net/2016/10/02/fuocoammare-dibattiti/

 

Su Affaritaliani

Legge di bilancio, si prepara un’aspirina per un malato di cancro. Un misero 0,2% di Pil di taglio di tasse non sarà nemmeno percepito dall’economia reale. Così altro che “ripresa”…

http://www.affaritaliani.it/politica/palazzo-potere/legge-di-bilancio-si-prepara-aspirina-per-un-malato-di-cancro-443100.html

 

GRAFFI

I “graffi” sono il seguitissimo mini-corso di inglese curato da Giuditta (che è una micia British!) per il premier Renzi, sempre più imbarazzante e sempre meno fluent nel suo English. Mentre la prima edizione del corso era dedicata a idioms e phrasal verbs, questa seconda edizione è focalizzata su citazioni tratte da libri inglesi o americani, anche nel tentativo di incoraggiare a letture un pochino più impegnative un Primo Ministro (apprendiamo dai retroscena) troppo preso dalle miniserie tv, da lui stesso suggerite e indicate (pare) come punto di riferimento culturale per la sua cerchia etrusca.

Le citazioni di questa settimana sono tratte da “Aunts aren’t gentlemen”, di P.G. Wodehouse (prima edizione 1974, ora ripubblicato da Arrow Books):

“He was looking like a minor prophet about to rebuke the sins of the people: it was the whiskers that did it mostly, though the eyebrows helped. I forgot to mention that he had bushy eyebrows…”

 

***

PREANNUNCIA LA TUA PARTECIPAZIONE A WWW.LACONVENZIONEBLU.IT

PER ORA IL NUMERO DEI PREANNUNCI E’ GIUNTO A: 2013

NOVITA’: PER L’ALTISSIMO NUMERO DEI PREANNUNCI DI PARTECIPAZIONE, LA CONVENZIONE BLU SI TERRA’ IL 5-6 NOVEMBRE (NON PIU’ IL 22-23 OTTOBRE) A ROMA, PRESSO L’HOTEL THE CHURCH.

PRESTO CHI HA PREANNUNCIATO LA SUA PARTECIPAZIONE SARA’ CONTATTATO (VIA MAIL E TELEFONICAMENTE) PER OGNI DETTAGLIO ORGANIZZATIVO.

I PUNTI DELLA CONVENZIONE BLU, OLTRE AL MODELLO DELLE PRIMARIE AMERICANE:

  1. RINEGOZIARE IN UE.
  2. CHOC FISCALE: MENO TASSE, MENO SPESA, MENO DEBITO. TAGLIO SIMULTANEO DI 48 MLD DI TASSE E SPESA PUBBLICA, E PIANO DI ATTACCO AL DEBITO.
  3. RIFORMA DELLE PENSIONI A CAPITALIZZAZIONE INDIVIDUALE, DALLA PARTE DI GIOVANI E GENERAZIONI FUTURE.
  4. IMMIGRAZIONE: MODELLO CANADA E AUSTRALIA.

 

E’ possibile seguirmi su Facebook cliccando “mi  piace” su  www.facebook.com/Capezzone

Chi non desideri più ricevere questa newsletter può inviare una mail a  d.capezzone@gmail.com

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...