Giuditta’s files, la newsletter di Daniele Capezzone – numero 21, 16 maggio 2016

il

SCENARI – PADOAN, L’UOMO CHE SUSSURRA AI DECIMALI…

Il ceto politico discute del contingente, oppure della piccola rissa del giorno (Lodi, Livorno, Parma), oppure della guerra per bande verso le elezioni amministrative (alzi la mano chi ha sentito un’idea forte per il governo di una città), oppure della fiction preferita da Renzi (la contesa verso il referendum d’autunno).

Ma, con rare eccezioni, quasi nessuno si occupa seriamente della questione centrale: l’Italia non cresce; il livello di tasse-spesa-debito resta inaccettabilmente elevato; il nostro tessuto imprenditoriale soffre, preso in sandwich tra crisi, stretta bancaria e debolezze congenite (scarsa produttività).

Dopodomani, avremo un’altra guerricciola quando la Commissione Europea darà la sua “pagellina” ai conti italiani. La previsione è facile: semaforo verde, ma un richiamo sul deficit e sul debito. Morale: il copione è già scritto. Renzi, per ventiquattr’ore, canterà vittoria per il “via libera” ricevuto da Bruxelles; mentre il grosso dei suoi avversari, tanto per fargli un altro favore, si iscriverà (sempre per ventiquattr’ore) al partito dei vincoli e del rigore. Se non parlassimo di cose serie, ci sarebbe perfino da sorridere di uno spettacolo così modesto e prevedibile.

Quello che resta sullo sfondo è un trittico di notizie, che la propaganda incrociata potrà offuscare, ma – ahimé – non cancellare. La prima notizia è che, per il 2015, in termini di crescita del Pil, solo Finlandia e Grecia hanno avuto una performance peggiore dell’Italia. La seconda è che nel 2016 sarà lo stesso. La terza è che, nel 2017, pure la Finlandia (e la Grecia!) potrebbero scavalcarci, lasciandoci un’umiliante maglia nera.

Nel primo numero di questo piccolo appuntamento di riflessione scritta, ormai un mese fa, ricordavo il monito: “It’s the economy, stupid”.  Per segnalare che, alla fine della fiera, un ciclo politico viene giudicato sulla base dell’andamento dell’economia, sulla base della percezione che i cittadini hanno (o non hanno) di un reale miglioramento della condizione economica propria e della propria famiglia. Ecco: Renzi e Padoan, finora, nonostante annunci roboanti, hanno commesso gli stessi errori dei Governi del passato, sia di centrosinistra, sia di centrodestra, sia tecnici: illudersi di poter “gestire l’esistente”, di poter amministrare lo status quo, di far passare la nottata in attesa di tempi migliori. Magari, di tanto in tanto, usando qualche annuncio propagandistico come “arma di distrazione di massa”.

Ma il gioco non funziona, perché i numeri sono testardi, e gli “zero virgola” si impongono non solo come dati di una statistica, ma come “cifra” di una stagione di governo.

Come Conservatori e Riformisti, per due volte, nella legge di stabilità di 16 mesi fa e in quella di 4 mesi fa, pur da forza di opposizione, abbiamo offerto al Governo, al Parlamento e al Paese, una manovra-choc per un’autentica frustata, per una terapia d’urto a favore dell’economia italiana: un mega taglio di tasse di 48 miliardi (di cui 24 al primo anno) a favore di tutti (imprese, lavoratori, famiglie), finanziato da un corrispondente taglio alla spesa pubblica eccessiva e improduttiva (in particolare aggredendo quattro voci, già evidenziate dal Rapporto Cottarelli: acquisti di beni e servizi della Pubblica amministrazione; spese di Regioni ed enti locali; municipalizzate; immediato varo dei costi standard nella sanità). E infatti gli emendamenti furono dichiarati tecnicamente ammissibili, proprio perché coperti. Ma il Governo disse no.

Insisteremo a proporre una linea forte. Solo così l’Italia potrà avere una crescita allineata a quella delle maggiori economie occidentali. Altrimenti dovremo continuare a chiamare Padoan: “l’uomo che sussurra ai decimali”.

 

LETTURE 

Pierluigi Bonora nel suo blog su IlGiornale.it rilancia nostra battaglia contro il bollo auto

http://goo.gl/gI6YOh

 

 GRAFFI

Giuditta è una gattina buonissima, ma ogni tanto graffia. Nel tempo libero, essendo una micia British, è disponibile a dare ripetizioni di inglese al Primo Ministro italiano e ai suoi amici (etruschi e non).

La frase di oggi è: to turn a deaf ear to…

Per dire che uno fa orecchie da mercante, gli inglesi (che, da veri liberali pro-mercato, non vedono motivi di prendersela con i mercanti) dicono che uno porge l’orecchio sordo a qualcun altro. Esempio: Mr Renzi always turns a deaf ear to those who urge him to cut spending and debt.

***

E’ possibile seguirmi su Facebook cliccando “mi  piace” su  www.facebook.com/Capezzone

Chi non desideri più ricevere questa newsletter può inviare una mail a  d.capezzone@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...