Giustizia, da Renzi (e Napolitano) doppio standard, ma se centrodestra diventa giustizialista in odio a Renzi fa ennesimo autogol (dopo trivelle)

Intendiamoci bene. Le cose dette ieri da Renzi al Senato sulla giustizia e sulle degenerazioni giustizialiste degli ultimi venti-venticinque anni sono assolutamente corrette, a mio avviso.

Ma non è accettabile il doppio standard per cui qualcuno (Renzi) sceglie di essere garantista rispetto a se stesso e ad alcuni dei suoi ministri, ma non lo è rispetto ad altri ministri, o ai ministri dei governi del passato, di cui reclamava ad alta voce le dimissioni.

Allo stesso modo, con rispetto per la persona, il senatore Napolitano che ora descrive con ragione gli eccessi sulle intercettazioni non risulta però avere spinto, nei suoi lunghi anni al Quirinale (da dove scelse un profilo ultrainterventista, determinando il gioco politico in passaggi decisivi), per una riforma forte delle intercettazioni.

Dall’altro lato, però, se il centrodestra di oggi, solo in odio a Renzi, divenisse forcaiolo e giustizialista, anche in questo diventando (o confermandosi) gregario e utile idiota dei grillini e della sinistra regressista, commetterebbe un altro autogol, dopo quello – ancora fresco – dell’antitrivellismo.

Non mi stanco di ripeterlo: un centrodestra senza principi è alleato (inconsapevole?) della permanenza di Renzi al potere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...